paint-5699263_1280

Il medium figurativo nella terapia con l’arte

L’arte terapia, intesa come disegno è, storicamente, la prima delle tecniche terapeutiche non verbali ad aver avuto un’ampia diffusione in ambito clinico, attualmente viene utilizzata in numerosi settori di intervento: dall’età evolutiva, alla riabilitazione, alla psichiatria, alla geriatria, al sostegno nelle cure ai malati terminali, ai disturbi alimentari; negli ultimi anni, inoltre a fianco del settore propriamente terapeutico si è sviluppata come tecnica portatrice di benessere nel campo della medicina naturale.

Tra le terapie non a mediazione verbale ha la peculiarità di inserire nel sistema di relazione paziente-operatore un mediatore: l’oggetto artistico.

Contemporaneamente, questo oggetto non è indipendente dal suo creatore e, soprattutto, non è indipendente dalla relazione terapeuta-paziente che ne ha favorito la creazione.

Tale prodotto è un oggetto che sta a metà fra il mondo interno del paziente e ciò che esiste nell’ambiente, costituendo uno spazio di dialogo tra sé e il mondo esterno attraverso rappresentazioni simboliche.

La specificità dell’arte terapia si basa sul presupposto di un’identità di linguaggio fra inconscio ed immagine disegnata. I contenuti dell’inconscio, i conflitti, i bisogni, che per loro stessa natura si esprimono con modalità simboliche ed analogiche vengono trasposti in immagini reali disegnate.

Attraverso la proiezione di immagini interiori in disegni, visibili e condivisibili, è possibile stabilizzare il ricordo di sogni, fantasie, che altrimenti rimarrebbero evanescenti e potrebbero essere facilmente essere messe da parte.

Il terapeuta non interpreta ma sostiene nel passaggio dal linguaggio simbolico a quello verbale, facilita la comunicazione e la verbalizzazione delle emozioni.

Per questo, l’arte terapia rappresenta un accesso privilegiato alla cura di quei pazienti che presentano una compromessa capacità di esprimere verbalmente i propri vissuti, sia per la gravità della patologia che per l’intensità delle difese, o nei bambini emotivamente disturbati.

L’immagine funge da medium figurativo, per cui le virtù terapeutiche dell’arte dipendono espressamente dai processi psicologici che si attivano nell’atto creativo e dalla sua stretta affinità con il processo primario, quindi la rappresentazione artistica non facilita solamente l’espressione dell’inconscio, grazie ad un’identità di linguaggi, ma costituisce una forma d’intervento integrata alla terapia verbale.

L’arte terapia si fonda anche sulla relazione con il terapeuta io, quale facilita la libera espressione delle proprie emozioni e l’esplorazione delle immagini interiori, mentre i disegni divengono per entrambi, terapeuta e paziente, in uno spazio condiviso.

Il ruolo dell’arte terapeuta è stimolare il paziente affinché possa esprimere al meglio le sue potenzialità attraverso l’uso e l’affinamento dei diversi linguaggi artistici.

Inoltre, per il paziente, il senso di identità e di autostima si rafforzano quando può esprimersi nella creazione dell’oggetto artistico e nella definizione della relazione terapeutica.

Il terapeuta dovrebbe creare le condizioni necessarie affinché il cliente si senta a proprio agio e non in una performance e dunque si senta in un clima accogliente.

Le tecniche vanno scelte sulla base del tipo di patologia e del livello evolutivo dei pazienti, nonché dell’età.

È necessario che il terapeuta abbia una conoscenza che comprenda i fondamenti teorici dello sviluppo della creatività, la comprensione dei processi psichici e delle dinamiche di gruppo, la conoscenza delle potenzialità terapeutiche e delle difficoltà tecniche dei vari materiali artistici. Inoltre, ritengo indispensabile che ogni terapeuta continui il proprio percorso personale di autoconoscenza che gli consenta di coltivare un’ area libera da conflitti e da dinamiche relazionali non funzionali. Il percorso personale consente di fare spazio all’altro e di accoglierlo con l’ascolto e l’attenzione di cui necessita.

condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
Condividi su whatsapp