Warning: Declaration of ElementorPro\Modules\Posts\Skins\Skin_Content_Base::register_controls(Elementor\Widget_Base $widget) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/annicacerino.com/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/theme-builder/widgets/post-content.php on line 30
Io sono Ok, tu sei Ok - Annica Cerino
michelangelo-71282_960_720

Io sono Ok, tu sei Ok

IO SONO OK – TU SEI OK

L’analisi Transazionale nasce intorno alla metà del secolo scorso ad opera di Eric Berne: è una teoria sullo sviluppo della personalità e sulle modalità relazionali che tessiamo nella nostra vita.

Il nostro comportamento è influenzato dal passato, in particolare dalle esperienze vissute nella prima infanzia. L’analisi transazionale considera la persona costituita da un insieme di comportamenti, emozioni, pensieri definiti Stati dell’Io.

Secondo l’A.T. la struttura della personalità è costituita da tre Stati dell’Io:

Lo stato dell’Io Genitore: è l’introiezione dei messaggi espliciti ed impliciti ricevuti dai genitori, pertanto è l’incorporazione di norme, giudizi e regole.

Lo stato dell’Io Adulto: fa l’esame della realtà, valuta le situazioni e le probabilità nel prendere le decisioni.

Lo stato dell’Io Bambino: è costituito da istinti ed emozioni.

Lo stato dell’Io Genitore può essere Affettivo o Normativo, il primo è rassicurante, premuroso, affettuoso e preoccupato. Il secondo è giudicante, impone delle regole, è dogmatico (detto anche Genitore Critico).

Lo stato dell’Io Bambino ha anch’esso due modalità di funzionamento: il Bambino adattato che è portato a compiacere gli altri e il Bambino Libero che è portato ad esprimersi spontaneamente, senza preoccuparsi delle reazioni degli altri.

Nelle relazioni ci muoviamo tra uno stato e l’altro a seconda dell’interazione personale, a seconda della persona con la quale stiamo comunicando e del contesto in cui ci troviamo.

A volte ci sentiamo genitori affettuosi o punitivi con un nostro coetaneo e creiamo una relazione verticale con l’altro. In altri casi ci sentiamo bambini, rispetto ad una persona che percepiamo più matura di noi. Altre volte la comunicazione è parallela, c’è reciprocità tra i due stati dell’io.

Le posizioni esistenziali

L’A.T. considera le prime esperienze fondamentali nel determinare le “posizioni esistenziali” che la persona assume nell’arco della vita. Indicano la modalità di porsi dell’individuo nei confronti dell’esistenza e nei rapporti con gli altri.

Le posizioni sono 4:

IO SONO OK , TU SEI OK

Chi assume questa posizione vede la vita in modo ottimistico, conosce il proprio valore personale e lo sa riconoscere negli altri: Io valgo e tu vali. È una posizione che consente di costruire e mantenere relazioni nutrienti e soddisfacenti.

IO SONO OK, TU NON SEI OK

Chi assume questa posizione non ha fiducia negli altri o ha un atteggiamento di accusa, nega le difficoltà o i disagi personali e reagisce con rabbia e frustrazione. Tende a svalutare gli altri.

IO NON SONO OK, TU SEI OK

Si sente inadeguato e fatica ad accettare i complimenti. Tende a svalutare se stesso. Ha poca fiducia negli altri e le emozioni preminenti sono il senso di colpa e la paura.

IO NON SONO OK, TU NON SEI OK

Ha una visione totalmente pessimistica della vita, non vede e non cerca opportunità di migliorarsi né interiormente né all’esterno. Tende a svalutare se stesso e gli altri.

condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
Condividi su whatsapp