Warning: Declaration of ElementorPro\Modules\Posts\Skins\Skin_Content_Base::register_controls(Elementor\Widget_Base $widget) should be compatible with Elementor\Controls_Stack::register_controls() in /home/customer/www/annicacerino.com/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/theme-builder/widgets/post-content.php on line 30
I limiti come punto di partenza - Annica Cerino
spot-862274_960_720

I limiti come punto di partenza

“Il cambiamento è possibile, ma deve partire dall’accettazione di se stessi.”

(A. Lowen)

Questa frase isolata dal vasto panorama letterario di Alexander Lowen potrebbe apparire un’esortazione alla magia.

L’accettazione di se stessi non è un qualcosa che si compra a buon prezzo in un supermercato.

Arrivare a  riconoscersi un valore richiede tempo e costanza. Tante volte nella vita aspettiamo che sia qualcun altro o qualcos’altro a riconoscere il proprio potenziale, riponiamo nell’altro o ad un esterno indefinito una speranza che spesso viene delusa.

E dunque al supermercato riempiamo il carrello di speranze ferite, di aspettative disattese e la conferma dell’idea negativa che si ha di sé.

Paradossalmente, l’accettazione dovrebbe iniziare con il riconoscersi i propri limiti e vederli non come punto di arrivo. Oltre il quale non si può andare, una sorta di muro che non possiamo scavalcare. Ma come un punto di partenza.

Il limite è la linea del corridore da cui  parte prima di  scattare per la corsa sulla propria pista. Dovrebbe essere il VIA da cui ripartire per migliorarsi, laddove crediamo di essere in defaillance. 

La stessa individuazione del proprio limite e il suo riconoscimento può essere una risorsa, in quanto molla propulsiva che potrebbe farci scegliere di ripartire da un impedimento, da un’ idea cronicizzata che finora ci ha reso difficile stare meglio.  L’immobilità nelle proprie rigidità ci ha precluso l’attuabilità di soluzioni alternative, non ci ha concesso di arare solchi nuovi, al contrario la fissità in certe posizioni ha solo alimentato la paura di vivere, la frustrazione di non farcela, la rabbia  per la propria inquietudine.

La consapevolezza che abbiamo dei limiti è già una grande risorsa e scegliere di oltrepassare quella linea ci mette in un reale percorso verso l’accettazione di se stessi.  Lungo la strada potremmo trovare pezzi del nostro valore personale, quando meno ce lo aspettiamo.

Abbiamo tutti dei limiti e delle possibilità, ognuno le sue.

Il cammino inizia proprio per scoprire quali sono. E il cambiamento inizia con lo stacco del piede da quella linea di partenza .

Ⓒ Annica Cerino

condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
Condividi su whatsapp